Come ho creato la collezione degi anelli di bologna - Bolocollection

Ok lo ammetto, è l’idea della quale vado più fiero, ed è anche quella sulla quale ho investito più tempo fino ad ora. 

Quale? La collezione di gioielli che ho realizzato ispirandomi a Bologna!

Ovviamente non è uscita dalla mia testa già perfetta, ho dovuto realizzarla su metallo per rendermi conto dei suoi difetti e dei suoi limiti iniziali.

Scorrendo la mia pagina Instagram, o questo articolo, potrai vedere tutte le modifiche che questa linea di gioielli ha subito nei vari mesi successivi alla sua uscita.

Inizialmente non ho preso in considerazione elementi basilari come la sua vestibilità, la sua comodità o la sua eleganza.

Ho realizzato questo anello per il gusto di farlo, avevo tempo per sperimentare le mie capacità, e allora ho pensato: “Dato che siamo una famiglia di Bologna, perché non faccio un anello che la rappresenti?”

Idea banale quanto semplice, che andando avanti nei mesi si sta rivelando vincente ma soprattutto mi da soddisfazione vedere che piace sempre di più alle persone. La gente inizia a riconoscere il mio brand per questo gioiello simbolo, e la mia idea è quella di espandere questa trovata a tutte le città che andrò a visitare. 

BegOreficeria, oreficeria gioielleria e laboratorio artigianale

Ecco perché questo è solo il primo articolo dei tanti che spero di pubblicare tra la mia rubrica di “viaggio, vedo, creo…” (presente anche su YouTube) se pensate sia una buona idea, fatemelo sapere magari scrivendo qua sotto quale città vi piacerebbe vedere realizzata in argento anziché solo in foto. 

Detto questo, come spiego nel video, a livello visivo l’idea è nata durante una semplicissima passeggiata sul Crescentone di piazza maggiore a Bologna. Guardandomi intorno notavo non solo monumenti antichi e meravigliosi, ma anche tutti i nasi puntati in alto.

E non erano solo nasi di turisti, ma anche di tutti quei bolognesi che decidono di andare a farsi una passeggiata nel centro storico, solo per poter ammirare la maestosità della nostra città.

L’orgoglio ed il senso di appartenenza che la nostra cara Bologna trasmette, lo percepisco sotto la pelle, lo sento nei suoni che giungono alle mie orecchie e soprattutto lo vedo coi miei occhi nei suoi monumenti, i quali riflettono i tempi andati di un’epoca medievale che continua a vivere nel cuore dei suoi cittadini.

Abbiamo la fortuna di vivere in una “città metropolitana” (ultimamente va di moda questo termine) che mantiene una dimensione accettabile per la quale abbiamo la possibilità di non essere troppo distanti tra noi e avere comunque lo spazio necessario per non pestarci i piedi a vicenda.  

Dopo questo elogio che non credo riuscirò mai a completare al 100%, meglio tornare sul motivo filosofico che vive dietro la “Bolocollection”. Il popolo bolognese è sempre stato unito e affiatato, ed essendo Bologna una città che viene continuamente influenzata da altre culturesoprattutto dalla moltitudine di studenti che passano anni all’ interno delle sue mura, ho pensato che creando un anello artigianale, che la rappresentasse, avrei potuto dare a tutti coloro che la amano, un simbolo e un accessorio da poter tenere sempre e letteralmente a portata di mano.

così insomma, sono nati i 2 skyline (con portici e senza) poi l’anello con le due torri, poi il bracciale ed infine gli orecchini. Ammetto che Bologna si presta molto a questo genere di lavori, poiché le sue forme geometriche e regolari mi hanno facilitato di parecchio la lavorazione.  

bolocollection gioielli bologna oreficeria laboratorio artigianaleI monumenti originali che ho deciso di mettere dentro al primo skyline sono: 

Basilica di San Petronio: una delle chiese più grandi in Europa nonostante non sia mai stata completata. Iniziata nel 1390, completata nel 1663.

Santuario della beata vergine di San Luca: comprende i portici più lunghi del mondo. Iniziato nel 1194, completato nel 1765.

Palazzo d’Accursio: acquistato dal comune di Bologna a fine del 1200 e diventato residenza degli anziani rappresentati della massima magistratura bolognese, nel 1336.

Palazzo Re Enzo: costruito tra il 1244 e il 1246 come palazzo comunale e diventato poi residenza-prigione di re Enzo di Sardegna, catturato nei pressi di Modena durante la battaglia di Fossalta.

Le due Torri Asinelli e Garisenda: la prima eretta (secondo la tradizione) tra il 1109 ed il 1119 da Gherardo Asinelli. La seconda eretta anch’essa nel 1109 ma interrotta e abassata a causa di gravi cedimenti del terreno durante la sua costruzione.

Fontana del Nettuno: voluta da Pier Donato Cesi per glorificare lo stato pontificio di pio IV, fu terminata nel 1566.

Palazzo della mercanzia: costruita tra il 1382 ed il 1391, ancora in uso, in passato è stata definita come la Loggia dei Mercanti o Palazzo del Carrobbio.

Insomma, per concludere, pensa ad un gioiello e dimmi il monumento che ti rappresenta di più, io cercherò, mettendo in gioco tutte le mie abilità, di realizzarlo in maniera più fedele possibile, in modo tale che anche tu possa avere sempre con te un pezzo della nostra magnifica città. 

Scritto da: Andrea Beghelli

---

Begoreficeria è un laboratorio orafo artigianale basato a Bologna. Ora ci stiamo lanciando come oreficeria online.

Per vedere la collezione completa della Bolocollection clicca sull'immagine sottostante:

 

Ti potrebbe anche interessare

Handamade Silver Ax - Gioiello ascia artigianale in Argento
Handamade Silver Ax - Gioiello ascia artigianale in Argento
Questa volta nel mio laboratorio orafo artigianale ho realizzato un'ascia con rune celtiche ed uno smeraldo naturale....
Read More
Non sei di Milano, vero? - Anello Bolocollection
Non sei di Milano, vero? - Anello Bolocollection
"Non sei di qua, vero?" Accidenti, mi hanno beccata. Vivo a Milano da quasi tre anni, e ho perso il conto della gente...
Read More
Gioielli e Lauree - La falce di Jashin
Gioielli e Lauree - La falce di Jashin
Suona molto bene dire "Ho conseguito la mia seconda laurea". Tecnicamente, è stata la mia seconda cerimonia di laurea...
Read More

Condividi questo post



← Articolo più vecchio Articolo più recente →


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati